Borghi in Digitale

AUTORE
La pieve longobardo-romanica di San Giorgio di Valpolicella, frazione di Sant’Ambrogio di Valpolicella, è un mirabile compendio di storia dell’arte. Le iscrizioni sulle colonne del ciborio, l’elemento più prezioso di questo antichissimo luogo di culto, possono essere datate al tempo del regno di Liutprando, che governò l’Italia dal 712 al 744. Nella pieve sono inoltre presenti affreschi (XI-XIV secolo), un tabernacolo gotico in pietra del 1433, un fonte battesimale ottagonale scolpito in un unico blocco di marmo (XII secolo) e, sopra la vasca, una tela con la Resurrezione di Cristo opera di Jacopo Negretti, detto Palma il Giovane (1544-1628).
📍 Borgo di Riferimento
🔎 Collocazione nel Borgo
Pieve di San Giorgio di Valpolicella
🗄 Classificazione
📅 Anno di Realizzazione
712-736
🎨 Corrente Artistica
🖌 Tecniche e Materiali
🏛 Questa è l'opera principale del borgo
User Research

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Service Design

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

UX Design

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

ESPERIENZE ED INFORMAZIONI SU

Informazioni Istituzionali

Altre Opere Censite

Tour Virtuali Online