Borghi in Digitale

AUTORE
Madonna della neve, Scuola abruzzese, XVI secolo, Chiesa della Madonna del Rosario   Narra lo storico aquilano Antonio Ludovico Antinori che la chiesa della Madonna della neve venne conclusa e consacrata nel 1436 dal vescovo valvense Bartolomeo: a volerla era stata la comunità locale dei fedeli, alla ricerca di un nuovo e degno luogo per la sepoltura dei defunti. Dopo la battaglia di Lepanto la denominazione della chiesa divenne  Santa Maria del Rosario e quivi si insediò una importante confraternita; il devastante terremoto del 1706, che ebbe il suo epicentro nella Maiella, danneggiò gravemente tutto il paese e con esso anche l’edificio, subito riparato ed aggiornato al coevo gusto barocco. L’interno, elegante e solenne, raccoglie opere d’arte che testimoniano l’importanza del luogo per la locale comunità cattolica. Nella navata destra una monumentale teca lignea, a due vani sovrapposti, custodisce la statua del Cristo morto, trasportata solennemente in processione durante i riti della Settimana Santa. Nel vano superiore una grande croce lignea reca affissi simboli e strumenti della Passione del Cristo. Un elegante sistema di stucchi dà vita a cornici, figure di putti, medaglioni, che animano la superficie parietale e articolano lo spazio architettonico. L’altare destro è sormontato da una tela raffigurante la Madonna con il Bambino ed i santi Domenico e Caterina da Siena; negli spazi di risulta laterali, uno per parte, due angeli sorreggono due cammei con la rappresentazione a mezzo busto del Cristo, a sinistra, e della Madonna a destra. A conclusione della navatella destra, una piccola abside reca una tela con la raffigurazione di Sant’Antonio Abate. L’altare maggiore ospita, al centro di un elegante struttura marmorea, la statua della Madonna con il Bambino, detta Madonna della Neve, di Scuola abruzzese del XVI secolo. Proseguendo con la visita dell’edificio, l’absidiola corrispondente alla navata sinistra custodisce la grande tela dipinta da Oreste Recchione e raffigurante Sant’Andrea Apostolo, alla sua sinistra. L’altare della navata sinistra presenta una grande tela con la Visitazione di Maria a Elisabetta, alla presenza di Giuseppe e Zaccaria; nei due medaglioni ai lati dell’altare sono raffigurati rispettivamente San Michele Arcangelo, a sinistra, San Raffaele Arcangelo e Tobia, a destra. In controfacciata, al di sopra dell’ingresso l’antico organo- realizzato fra il 1779 ed il 1787 da Antonio d’Onofrio prima, e dalla bottega Fedri di Atri poi – campeggia all’interno della preziosa cornice lignea scolpita dal maestro Ferdinando Mosca da Pescocostanzo.
📍 Borgo di Riferimento
🔎 Collocazione nel Borgo
Chiesa della Madonna del Rosario
🗄 Classificazione
📅 Anno di Realizzazione
XVI secolo
🎨 Corrente Artistica
🖌 Tecniche e Materiali
🏛 Questa è l'opera principale del borgo
User Research

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Service Design

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

UX Design

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

ESPERIENZE ED INFORMAZIONI SU

Informazioni Istituzionali

Altre Opere Censite

Tour Virtuali Online