Borghi in Digitale

AUTORE
L’uso di lavorare il gesso ebbe origine a Coreglia probabilmente tra il XVI e il XVII secolo, da allora questa attività acquistò sempre maggior importanza fino a divenire la principale occupazione della popolazione locale. Il Museo della figurina di gesso e dell’emigrazione, istituito dall’Amministrazione Comunale di Coreglia Antelminelli nel 1975, raccoglie circa 1300 esemplari di gesso che per le loro raffigurazioni, per la loro colorazione e forma e, soprattutto, per il modo con cui sono stati realizzati, rappresentano l’evoluzione tecnica di questo artigianato dal Seicento ai giorni nostri. Tra gli oggetti di maggior pregio e di notevole significato storico si ricordano: gattini settecenteschi anneriti con il fumo di candela, l’originaria maschera del Conte Camillo Benso di Cavour, busti realizzati a stampa persa. Nelle varie sale del museo si possono inoltre ammirare la riproduzione in gesso dei più conosciuti protagonisti del passato: da Napoleone a Garibaldi, da Dante a Petrarca, dai più noti musicisti tedeschi ai personaggi dell’antica Roma e della mitologia greca, tutti realizzati con una tale perfezione tecnica da trasformare questa forma di artigianato in pregiatissima arte.
📍 Borgo di Riferimento
🔎 Collocazione nel Borgo
Museo della figurina di gesso e dell’emigrazione
🗄 Classificazione
📅 Anno di Realizzazione
🎨 Corrente Artistica
🖌 Tecniche e Materiali
🏛 Questa è l'opera principale del borgo
User Research

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Service Design

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

UX Design

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

ESPERIENZE ED INFORMAZIONI SU

Informazioni Istituzionali

Altre Opere Censite

Tour Virtuali Online