Borghi in Digitale

AUTORE
Irsina custodisce nella propria cattedrale un tesoro, un capolavoro assoluto della scultura italiana di metà Quattrocento: la bellissima statua policroma della Santa martire Eufemia, attribuita dagli studiosi ad Andrea Mantegna. L’opera, rara testimonianza dell’attività scultorea dell’artista rinascimentale, fa parte di una donazione giunta in Basilicata da Padova nel 1454 grazie al committente Roberto de Mabilia, presbitero della chiesa di San Daniele e originario di Irsina, città che aveva allora un vescovo e una cattedrale. La santa, fiera e dolce nello sguardo, è rappresentata morsa da un leone, questo perché la leggenda narra che il supplizio cui venne sottoposta la giovane martire fu particolarmente atroce: rimasta illesa dopo essere stata gettata nel fuoco e data in pasto a belve feroci, fu passata a fil di spada. Gli attributi che permettono la sua identificazione sono dunque il leone o l’orso, e la spada, magari confitta nel petto.  
📍 Borgo di Riferimento
🔎 Collocazione nel Borgo
Concattedrale di Santa Maria Assunta
🗄 Classificazione
📅 Anno di Realizzazione
Prima metà XV secolo
🎨 Corrente Artistica
🖌 Tecniche e Materiali
🏛 Questa è l'opera principale del borgo
User Research

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Service Design

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

UX Design

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

ESPERIENZE ED INFORMAZIONI SU

Informazioni Istituzionali

Altre Opere Censite

Tour Virtuali Online