Borghi in Digitale

AUTORE
Splendido esempio di barocco veneto, il santuario della Beata Vergine è il più antico della diocesi (1603). Nel soffitto, magistralmente intagliato dalla bottega di Girolamo Venturini (1640) e dorato e dipinto da Cataldo Ferrara (1656-68), spiccano gli otto ovali rappresentanti sibille e profeti di Antonio Carneo (1658). Il Carneo nacque a Concordia Sagittaria il 26 novembre 1637, visse i suoi primi anni a Portogruaro, per spostarsi poi a Cordovado, dove è documentato dal 1658 a 1667, e poi a Udine, città in cui si fermò fino verso il 1690 abitando in una casa dei conti Caiselli. Trascorse gli ultimi anni della sua vita a Concordia Sagittaria dove morì il 16 dicembre 1692. Nell’ambiente culturale di Portogruaro e Concordia maturò la sua formazione, sotto l’influenza di artisti come Palma il Giovane, e il Padovanino e di opere bassanesco-tintorettesche che in gran copia affluivano in zona. Durante gli anni di permanenza a Cordovado è ancora forte l’influenza del manierismo veneto. I dipinti del Santuario della Beata Vergine si mostrano con una certa schematicità del tratto, visibile per esempio nel disegno panneggio, e un uso assai vivace dei colori.
📍 Borgo di Riferimento
🔎 Collocazione nel Borgo
Santuario della Beata Vergine
🗄 Classificazione
📅 Anno di Realizzazione
1640 – 1668
🎨 Corrente Artistica
🖌 Tecniche e Materiali
🏛 Questa è l'opera principale del borgo
User Research

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Service Design

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

UX Design

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

ESPERIENZE ED INFORMAZIONI SU

Informazioni Istituzionali

Altre Opere Censite

Tour Virtuali Online